Kinect di PlayStation e Microsoft Move: lo sviluppo incrociato comincia adesso

kinect-move

Sony e Microsoft vogliono convincervi del fatto che stanno attuando strategie molto diverse nel campo del motion control. “Il controller sei tu“, c’è scritto sugli specchi dei bagni all’E3: una delle pubblicità più inquietanti viste alla mostra. Sony, d’altra parte, unisce la tecnologia della propria eye camera con un controller più convenzionale per giocare. Quello a cui stiamo assistendo, in realtà, è che entrambe le tecnologie sono molto più simili tra loro di quanto le due aziende vogliano ammettere.

Ars Technica aveva avanzato alcuni dubbi sulla capacità di Kinect di riuscire a trasmettere i movimenti meccanici di base senza che il giocatore avesse in mano un controller fisico, e molti utenti avevano commentato chiedendosi se Microsoft avrebbe messo sul mercato un controller per il Kinect da indossare in testa, oppure se sarebbero stati creati giochi che utilizzano sia il controller Kinect che quello standard. Se così fosse, gli sviluppatori avrebbero molte più possibilità e tutto ciò li aiuterebbe a risolvere il problema dell’eccesso di giochi rail-based a cui abbiamo assistito.

Anche Microsoft è d’accordo: “Con Kinect non serve il controller, ma di certo non lo sopprimeremo“, ha detto Kudo Tsunoda di Microsoft a Eurogamer. “Credo che sia molto probabile che ci saranno giochi in cui si utilizzeranno sia Kinect che i controller standard. Sono tutte cose che vedrete man mano che la piattaforma si svilupperà.”

Tsunoda ha precisato anche che il motion control è uno dei tanti aspetti di Kinect, e che può essere utilizzato secondo schemi di controllo più convenzionali. “È una delle peculiarità della piattaforma Xbox: possiamo essere i controller, possiamo usare i controller con Kinect, che è più di un motion control, infatti ha anche il riconoscimento vocale e della figura“, ha spiegato. “Sia per i consumatori che per gli sviluppatori, questi sono gli strumenti con cui giocare su Xbox“.

Se non fosse che Sony sta già mostrando giochi simili a quelli di Kinect. Il PlayStation Eye è molto più che una miglioria all’EyeToy, che già funzionava bene all’epoca della PlayStation 2, quando grazie a esso si poteva usare il proprio corpo come controller. Al PAX i giocatori hanno potuto giocare a Kung-Fu Live, una release di PlayStation Network in cui si gioca utilizzando il proprio corpo e la telecamera……

continua la lettura su  WIRED.IT